Le criptovalute sono monete paritarie il cui utilizzo si basa su principi crittografici che servono per convalidare le transazioni e convertire la moneta virtuale in un bene di scambio. Le criptovalute consentono di effettuare i pagamenti online e sono un’alternativa alle valute con valore legale.

Un criptovaluta dunque è una moneta digitale che non esiste da nessuna parte se non ché in un codice scritto su un server. Come la valuta reale anche le criptovalute hanno un valore che varia nel tempo e possono essere utilizzate per acquistare beni o essere convertite in altre valute.

Come sono nate le criptovalute

Le criptovalute, con il nome di Bitcoin, nacquero per la prima volta in un forum di appassionati d’informatica. Il sistema prevedeva dunque l’accumulo di Bitcoin per chiunque partecipava al network, chi dava supporto agli altri, rispondendo alle domande e aiutando gli utenti riceveva in cambio dei Bitcoin che divennero una specie di moneta di scambio all’interno del network. Questo sistema si basava sui blockchain una lista digitale sulla quale venivano registrate in tempo reale le transazioni che avvenivano tramite Bitcoin.

Quest’idea portata poi nel mondo reale ha subito affascinato gli esperti della finanza che hanno permesso di convertire il valore di questa moneta virtuale in una somma reale. Oggi i Bitcoin e gli altri sistemi di criptovalute hanno una capitalizzazione che si avvicina ai 50 miliardi di dollari.

Conviene investire sulle criptovalute?

Ad oggi le criptovalute sono considerate una classe d’investimento e fanno anche parte degli asset proposti da vari istituti bancari ai loro investitori. Ad oggi l’investimento in valute digitali si avvicina maggiormente al mercato delle materie prime piuttosto che a quello valutario. Infatti, le monete reali come dollaro, sterlina o euro sono monete di scambio che vengono regolate dalle banche centrali e utilizzate in vari modi per l’acquisto di altri beni.

Le criptovalute al momento non sono uno strumento di scambio diffuso quanto la moneta corrente e il regolamento dell’offerta e la diffusione di queste sul mercato finanziario avviene tramite una diffusione decentrata. Le criptovalute come i Bitcoin rimangono comunque un investimento rischioso a causa della volatilità che le ha caratterizzate in questi anni.